<<< Torna alla galleria dei ritratti

Peo Consonni

Una vita di corsa coi motori nel sangue.

MTS – scuola tecnica nel motorsport. Foto di Alessandro Dealberto – Testo di Lorenza Manessi

 

“A 15 anni, a scuola, in un tema ho scritto: da grande voglio fare il pilota di auto da corsa e il meccanico. Sono un uomo felice e fortunato, perché ho realizzato il mio sogno di ragazzo. E insegno ai giovani ad avere il mio stesso sogno e la forza di trasformarlo in realtà”.
Giampiero ‘Peo’ Consonni, di Monza, è un artigiano pieno di passione per il suo lavoro. Riduttivo definirlo meccanico. In realtà, i motori sono la sua vita: “Dopo la mia famiglia – dice – sono il mio più grande amore” .
E’ un fiume in piena di emozioni e di entusiasmo quando ricorda gli anni della formazione giovanile a lavorare sulle auto da corsa e di serie. “Senza la passione – insiste Consonni – non si va da nessuna parte”. E lui di strada ne ha fatto davvero tanta. In officina a imparare il mestiere e poi per 20 anni sulle piste delle auto da corsa come pilota. Ma anche come responsabile tecnico di squadra e giornalista. In giro per il mondo. A correre su circuiti prestigiosi come quello di Le Mans o alla Parigi-Dakar. A soffrire la fatica, la fame e la sete. “Però la passione, sempre lei, ti fa superare tutto. Ti fa vincere medaglie. Ma la vittoria più bella è la soddisfazione di fare quello che sognavi da ragazzo”.
Da 15 anni Consonni, oltre all’attività nella sua officina a Muggiò, in provincia di Monza, dedica gran parte del suo tempo a trasferire ai giovani il suo amore per i motori. Lo fa in alcuni istituti di formazione professionale e alla Motorsport Technical School, la scuola, promossa da Confartigianato presso l’Autodromo di Monza, di alta formazione professionale per meccanici di auto e moto da corsa e per ingegneri di pista, la prima in Italia dedicata agli specialisti dei bolidi da competizione.
“Quando entro in aula – racconta Consonni – è come se stessi costruendo una macchina di Formula 1: mi sento felice di far felici i ragazzi che vogliono scoprire questo mestiere. E’ uno scambio alla pari. Loro imparano da me e io imparo da loro. Sono un po’ il loro padre adottivo. Sono orgoglioso di quello che faccio, ma non mi monto la testa perché so che l’umiltà è l’unità di misura dell’intelligenza”.
E allora, avanti con il sudore e i sacrifici. Per dare un senso e un obiettivo alle nuove generazioni “che – dice Consonni – sono spesso fragili e disorientate, hanno bisogno di qualcuno che dia loro lezioni di fiducia. E cosa c’è di meglio di un’attività artigiana?”.
E qui la lezione, Consonni la dà ai suoi colleghi imprenditori: “Un artigiano deve trasmettere i segreti del mestiere ai giovani. Se uno si tiene strette tutte per se’ competenze e professionalità, che soddisfazione c’è a fare il nostro lavoro?”.
Così, ricordando il suo passato di pilota, Consonni ‘tira giù la visiera’ e di ‘segreti’ ne sforna ogni giorno ai ragazzi ai quali insegna un’attività che è sì fatica e sacrificio, ma soprattutto passione, orgoglio e soddisfazione di avercela fatta.

 

Autofficina Consonni
Muggiò (Monza)
www.consonnituning.it
Confartigianato Apa Milano Monza Brianza
www.apaconfartigianato.it