15 Dicembre 2021, h. 12:16

STUDI – Sale al 48,4% la difficoltà di reperimento di operai specializzati nell’edilizia. Il report dell’Ufficio Studi al webinar di ANAEPA

L’analisi degli ultimi dati dell’Istat evidenziano che il lavoro dipendente ha interamente recuperato i livelli pre-crisi, mentre si conferma che la crisi del lavoro si concentra sul lavoro indipendente. A ottobre 2021 gli occupati dipendenti, al netto della stagionalità, salgono di 130 mila unità (+0,7%), un recupero trainato dal lavoro a termine (+147 mila occupati, +5,0%) mentre tiene il lavoro dipendente permanente (-0,1% pari a 17 mila unità in meno).

Con la ripresa della domanda di lavoro, sale la difficoltà di reperimento del personale specializzato. L’analisi dei dati del sistema Excelsior di Unioncamere-Anpal evidenzia che a dicembre 2021 le imprese segnalano che è difficile da reperire il 42,3% delle entrate previste di operai specializzati e conduttori di impianti e macchine, valore che supera di 4,8 punti percentuali il 37,5% della media del totale delle entrate.

 

 

Nel dettaglio per gruppo professionale, tra questi lavoratori risultano difficili da reperire il 51,1% degli operai nelle attività metalmeccaniche ed elettromeccaniche, il 48,4% degli operai specializzati nell’edilizia e nella manutenzione degli edifici ed il 42,7% degli operai specializzati nelle industrie del legno e della carta.

La pandemia ha reso più difficile la ricerca di operai specializzati e conduttori di impianti e macchine: rispetto al dicembre 2019, infatti, la quota di difficoltà di reperimento risulta più alta di 5,8 punti percentuali e gli aumenti più marcati si rilevano per le figure professionali specializzate nell’edilizia e nella manutenzione degli edifici (+14,3 punti), per i conduttori di macchinari mobili (+9,1 punti) e i conduttori di mezzi di trasporto (+8,9 punti), confermando una nostra precedente analisi in un focus di Confartigianato Trasporti.

A livello territoriale, le regioni con le più alte quote di entrate totali di lavoratori difficili da reperire a dicembre 2021 sono la Liguria con il 47,7%, il Friuli-Venezia Giulia con il 45,6%, il Veneto con il 44,5%, l’Emilia Romagna con il 43,6% e le Marche con il 41,5%. La Liguria registra il maggiore aumento di tale quota, con 24,4 punti percentuali in più rispetto a dicembre 2019, seguita, con crescita a doppia cifra, dalla Valle d’Aosta con 22,8 punti in più e dalla Sardegna con 10,1 punti in più.

In chiave settoriale, nelle costruzioni la difficoltà di reperimento è del 47%, di ben 9,5 punti superiore rispetto alla media. L’elevata e crescente difficoltà di reperire figure professionali specializzati nell’edilizia è stata al centro del report dell’Ufficio Studi ‘Tendenze e struttura del comparto dell’Edilizia nella ripresa 2021-22’ presentato lo scorso 13 dicembre nel corso del webinar organizzato in live streaming da ANAEPA-Confartigianato Edilizia.

Per scaricare il full report accedi a ‘Consultare ricerche e studi’. Qui le pubblicazioni dell’Ufficio Studi.

 

Scarica le slide
Rivedi il webinar

 

Difficoltà di reperimento: totale entrate e dettaglio professioni degli Operai specializzati e conduttori di impianti e macchine

Dicembre di 2019 e di 2021 (decrescente). % su relativo tot. entrate. Costruzioni: dato arrotondato disponibile solo a dicembre 2021 – Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Unioncamere – ANPAL, Sistema Informativo Excelsior

 

 

Difficoltà di reperimento del totale delle entrate nelle regioni

Dicembre di 2019 e di 2021 (decrescente). % su tot. entrate. Primo gruppo: oltre 5 mila richieste a dicembre 2021 – Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Unioncamere – ANPAL, Sistema Informativo Excelsior

rss