LAVORO

 

Le risposte in ordine di tema e cronologico sono in costante aggiornamento

 


 

Si. Possono beneficiare della prestazione anche i lavoratori assunti con contratto di apprendistato professionalizzante. (Fonte: Confartigianato)

Si, le Associazioni provvederanno a raccogliere le richieste e trasmetterle all'Inps, per il tramite del nostro Patronato Inapa, attraverso l'apposito canale telematico messo a disposizione dall'Inps. Siamo inoltre in attesa che, come richiesto, siano abilitate direttamente anche le Associazioni. (Fonte: Confartigianato - 12/05/2020)

 

Sì. In questo caso per semplificarne la presentazione, l'istanza al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali dovrà essere accompagnata da un unico accordo sindacale, che si riferisca a tutte le unità produttive considerate nell'istanza. L'accordo sindacale viene trasmesso alla Direzione Generale dei rapporti di lavoro e delle relazioni industriali e, unitamente all'istanza di autorizzazione al trattamento, alla Direzione Generale degli ammortizzatori sociali e della formazione secondo le modalità già descritte nella Circolare ministeriale n. 8 dell'8 aprile 2020.

Sì. In questo caso - seppure si tratti di un datore di lavoro con una organizzazione produttiva o distributiva plurilocalizzata - tuttavia se l'esigenza di attivare la cassa in deroga per COVID-19 si riferisce a unità produttive site in non più di quattro Regioni o Province Autonome, le relative istanze andranno presentate singolarmente alle rispettive Regioni o Province Autonome e non al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. (Fonte: Ministero del Lavoro - 14 aprile 2020)

Come comunicato dall’INPS, le domande per usufruire della prestazione “Congedi COVID-19" per lavoratori autonomi ed iscritti alla Gestione Separata potranno essere presentate a partire dal primo aprile 2020. ((Fonte: Confartigianato, risposta del 30/03/20)

No. Il decreto “Cura Italia”  prevede che l’accesso alla cassa integrazione in deroga è limitato a quei datori di lavoro che non possono accedere alla Cigo (Cassa integrazione guadagni ordinaria,  al FIS (Fondo di integrazione salariale) ed ai Fondi di solidarietà bilaterali alternativi di cui all’art. 27 del D. Lgs. 148/2015, fra i quali è compreso il Fondo bilaterale dell’artigianato (FSBA), che garantisce l’assegno ordinario. Le imprese  artigiane non iscritte a FSBA potranno però accedere all’assegno ordinario regolarizzando la propria posizione con il Fondo. (Fonte: Confartigianato)

Le informazioni per attivare la procedura di sospensione dal lavoro con il Fondo di solidarietà  bilaterale dell’artigianato possono essere  richieste alla Sua Confartigianato territoriale, all’Ente Bilaterale dell’Artigianato della Sua regione, oppure direttamente al Fondo (www.fondofsba.it). (Fonte: Confartigianato)

Il punto d.1.1. della Circolare INPS 28 marzo 2020, n. 47, nel confermare che  le imprese  artigiane possono presentare la domanda di assegno ordinario anche senza regolarità contributiva,  non esclude il fatto che i datori di lavoro artigiani inadempienti  debbano, in ogni caso, procedere con l’adesione a FSBA, qualora non abbiano mai svolto alcuna operazione di iscrizione e/o comunicazione dei dati aziendali e delle relative posizioni a FSBA , ed  a regolarizzare la propria posizione  secondo le regole e le  procedure indicate dal Fondo (anche con rateizzazione per un massimo di 36 mesi a partire  dal 1/1/2021) (Fonte: Confartigianato - 15/04/20)

Nel ribadire che,  ai sensi del D.Lgs. 148/2015 e successive disposizioni attuative, la contribuzione a FSBA è obbligatoria per tutte le imprese artigiane, anche con meno di sei dipendenti,  l’impresa artigiana che non  ha  mai versato al Fondo può presentare domanda di assegno ordinario ma deve regolarizzare la propria posizione contributiva (ovvero, di norma,  36 mesi di regolarità). L'importo è rateizzabile per un massimo di 36 mesi a partire dal 1/1/2021 secondo le procedure indicate dal Fondo. Nel frattempo le prestazioni possono essere erogate. (Fonte: Confartigianato 15/04/20)

Prevede l’assegnazione di 600 euro a testa. Per i lavoratori autonomi e professionisti iscritti agli Enti di diritto privato di previdenza obbligatoria, sono state definite le modalità e i criteri di attribuzione dell'indennità con Decreto Interministeriale del 28 marzo 2020. Con Decreto Interministeriale del 30 aprile 2020 sono state individuate ulteriori categorie di lavoratori, danneggiati dal virus COVID 19 e non coperti da altri interventi, che possono accedere alla misura (stagionali, intermittenti, lavoratori autonomi privi di partita IVA, venditori a domicilio)

Per le partite IVA non è prevista l’indennità della NASPI, per loro sono previsti i 600 euro di beneficio per il mese di marzo. Beneficiano inoltre del blocco di esazioni dell’Agenzia entrate come tutti gli altri. (FONTE MEF - 14 aprile 2020)

Come comunicato dall’INPS, a partire dal primo aprile 2020 sarà possibile presentare in via telematica la domanda. La domanda potrà essere presentata accedendo con il proprio PIN, anche in versione semplificata di 8 cifre (secondo le istruzioni fornite dal messaggio INPS n. 1381/2020), o per il tramite del nostro patronato INAPA. (Fonte: Confartigianato, risposta del 30/03/20)

Sì, se i singoli soci sono iscritti a gestioni dell’INPS. L’indennità riconosciuta dall’articolo 28 è personale e non attribuibile alla società in quanto tale e spetta pertanto a tutti i soci, ricorrendo i requisiti richiesti. (Fonte: Confartigianato, risposta del 30/03/20)

Il requisito che dà diritto all’indennità, alla luce dei primi chiarimenti forniti dall’Inps, è l’iscrizione del lavoratore autonomo ad una delle seguenti Gestioni speciali presso l’inps: Artigiani, Commercianti, Coltivatori diretti, coloni e mezzadri.

Inoltre il lavoratore autonomo non deve essere titolare di un trattamento pensionistico, non deve essere iscritto ad altre forme di previdenza obbligatoria, ad eccezione della gestione separata Inps,  e non deve percepire il reddito di cittadinanza.

Alla luce di questo primo chiarimento si ritiene che anche i coadiuvanti dell’impresa familiare, in quanto iscritti alla gestione artigiana, siano destinatari del beneficio, sempre che ricorrano anche le altre condizioni. (Fonte: Confartigianato)

Se a un dipendente con contratto a termine non viene rinnovato il rapporto di lavoro, al lavoratore sarà riconosciuta la Naspi. (Fonte: MEF - 14 aprile 2020)

Allo stato il fondo dell’articolo 44 è rivolto ad una platea sufficientemente onnicomprensiva da comprendere anche questi soggetti, ove fossero esclusi da qualunque altra forma di tutela.
(FAQ MEF del 31/03/20)  

Sì, come chiarito dalla circolare INPS n. 45/2020 nonché dall’Ufficio per le politiche in favore delle persone con disabilità, i dodici giorni sono da considerarsi complessivi, da usufruire nell’arco dei due mesi.  Tali giorni si aggiungono ai 3 giorni mensili ordinariamente previsti. I giorni complessivi di permesso fruibili ai sensi della legge n. 104/1992 sono quindi pari a 18: 3 giorni a marzo + 3 giorni ad aprile, + 12 giorni tra marzo e aprile. Tali giorni sono anche frazionabili in ore. (Fonte: Confartigianato, risposta del 30/03/20)

Sì. Come chiarito dalla circolare INPS n. 45/2020 e dalle risposte fornite dall’Ufficio per le politiche in favore delle persone con disabilità, i giorni di permesso sono estesi, per un totale di 18 giorni per i mesi di marzo e aprile 2020 (3 giorni a marzo + 3 giorni ad aprile, + 12 giorni tra marzo e aprile), anche ai lavoratori cui è riconosciuta disabilità grave e che hanno già diritto alternativamente al permesso orario o giornaliero (art. 33, comma 6, legge 104/1992). (Fonte: Confartigianato, risposta del 30/03/20)

Sì. Come chiarito dalla circolare INPS n. 45/2020, restano ferme le modalità precedenti di fruizione e di cumulo di tali permessi. Pertanto, se si ha diritto a 6 giorni di permesso al mese per due familiari, ora si avrà diritto a 36 giorni di permesso retribuito coperto da contribuzione figurativa (6 giorni a marzo + 6 giorni ad aprile + 24 giorni da poter utilizzare fra marzo e aprile). (Fonte: Confartigianato, risposta del 30/03/20)

L'art. 41 del DL n. 23/2020 estende l'applicabilità degli strumenti di integrazione salariale (cassa integrazione salariale ordinaria, assegno ordinario e cassa integrazione in deroga - artt. 19 e 20 Dl 18/2020) ai lavoratori assunti dal 24 febbraio e fino al 17 marzo 2020 (Fonte: Confartigianato - 14 aprile 2020)

Se la scadenza del tirocinio cade nel periodo di sospensione dell'attività produttiva, lo stesso si intende prorogato e la durata originariamente prevista si intende prolungata per il periodo residuo non effettuato a causa della sospensione. La comunicazione di proroga, prevista dall'articolo 4-bis del Decreto legislativo n. 181/2000, va effettuata entro 5 giorni dalla data di ripresa dell'attività produttiva dell'azienda presso la quale il tirocinio era svolto (Fonte: FAQ Ministero del Lavoro - 14/04/20)

L’INPS ha comunicato che le domande per usufruire della prestazione “bonus baby sitting" potranno essere presentate a partire dal primo aprile 2020. La domanda potrà essere presentata accedendo con il proprio PIN, anche in versione semplificata di 8 cifre (secondo le istruzioni fornite dal messaggio INPS n. 1381/2020), o per il tramite del nostro patronato INAPA. (Fonte: Confartigianato, risposta del 30/03/20)

Il voucher babysitter vale anche per gli autonomi. In caso di proroga di chiusura delle attività potrà essere rinnovato. (FAQ MEF del 31/03/20) 


 

X

Confartigianato Imprese utilizza i Cookie per poterti offrire la migliore esperienza possibile su questo sito web. L’utente del sito acconsente al posizionamento di cookies funzionali e analitici. I Cookie utilizzano diversi metodi per postare dati su o per leggere dati dai dispositivi dei visitatori, ad esempio dal tuo computer fisso, computer portatile, tablet o smartphone. Cliccando sul bottone “ho capito” qui accanto acconsenti al posizionamento di Cookie per fini funzionali e analitici. Senza il tuo consenso nessun Cookie verrà attivato, ma la tua navigazione su questo sito sarà limitata. Cliccando sul bottone “più info” potrai leggere l’Informativa estesa sui Cookie di Confartigianato Imprese. più info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi